La Patria è mobile – Il buongiorno di Massimo Gramellini – 7/9/2013

Massimo Gramellini

Quando al G20 sulla Siria hanno fatto la conta delle nazioni schierate con Obama e di quelle che concordavano con la posizione opposta sostenuta da Putin, un solo Paese si è ritrovato inserito in entrambi gli elenchi. Inutile scriverne il nome. Lo conoscete dai tempi della scuola, dai libri di storia dove leggevate di questo popolo di mercanti e mediatori apparentemente astutissimi che non aveva mai finito una guerra, un conflitto, un litigio per il parcheggio dalla stessa parte in cui lo aveva iniziato. La terza guerra di indipendenza, per dirne una, fu un tripudio di equilibrismi e giravolte come non se ne vedono neanche al Cirque du Soleil. Alla fine, pur perdendo tutte le battaglie, riuscimmo nell’impresa di riportare a casa il Veneto. L’imperatore francese Napoleone III commentò sprezzante: «Ah, gli italiani, ancora una sconfitta e mi avrebbero chiesto Parigi!» Dopo Caporetto e la «vittoria mutilata» che ne seguì, saltò su un dittatore smanioso di trasformarci in antichi romani. Ci trascinò in una catastrofe e non trasformò un bel nulla. La mattina di settant’anni fa, il re che da poco lo aveva fatto arrestare ricevette l’ambasciatore nazista per rassicurarlo sulla fedeltà all’alleanza con la Germania: il giorno seguente sarebbe stato l’Otto Settembre.

Considerati i precedenti, la partita doppia sulla Siria rappresenta una bazzecola. Siamo d’accordo con Obama nel ritenere Assad un criminale di guerra e siamo d’accordo con Putin nel non volerlo bombardare. È così complicato? A me sembra di una chiarezza cristallina. Ma non faccio testo: sono un italiano.

Advertisements

Quirico: “It is madness to say I knew it wasn’t Assad who used gas”

Quirico: “It is madness to say I knew it wasn’t Assad who used gas”

Syrian captive Domenico Quirico, a correspondent for the Turin daily La Stampa returned home safe to Italy on Sunday and visited the newspaper Monday to greet colleagues and talk about his experience. I was in the newsroom when he came in and heard him describe the inhumane way in which he was treated. I remember translating the desperate video message sent out by his two daughters a few months ago, in the very room where Quirico stood today. A very emotional moment for Italy and La Stampa in particular.

quirico 5quiricoQUIRICO 1quirico 4QUIRICO 2QUIRICO 3